Medicina di Gruppo e Rete

Medicina di Gruppo e Rete


                                                                               Salerno, 23 marzo 2016

                                                                              A TUTTI GLI ISCRITTI

Protocollo n.128/2016

                                                                                 L O R O   S E D I

OGGETTO: Adeguamento e recupero somme percepite dalle Medicine di Gruppo e Rete.

Da qualche mese è in atto un contenzioso tra i Sindacati della Medicina Generale e la ASL Salerno, circa il pagamento della indennità delle forme associative di Gruppo e di Rete.

L’Azienda infatti ha disposto un adeguamento di questo compenso in misura ridotta rispetto a quello sinora percepito, a seguito di una disposizione Regionale, che la FIMMG ritiene non applicabile ai Medici di questa Provincia.

La Regione infatti nel richiedere tale riduzione del compenso dava per scontato che tutte le ASL della Campania avessero superato il tetto del 60% per le forme associative di Gruppo e di Rete.

Mentre la ASL di Salerno è l’unica Azienda in tutta la Regione a non aver superato tale percentuale, ragione per cui la disposizione regionale non poteva trovare applicazione dando luogo alla relativa decurtazione della indennità. Infatti nell’Accordo Integrativo Regionale il tetto del 60% è ritenuto per le Aziende un limite invalicabile, pena la riduzione della indennità per le associazioni di Gruppo e di Rete.

I fatti su esposti vogliono avere solo un significato introduttivo all’oggetto della presente, in quanto il loro merito sarà discusso in sede giudiziaria dalla Magistratura del Lavoro.

Quello che invece si intende porre in evidenza è che l’Azienda oltre a porre già in essere l’adeguamento della indennità, intende procedere al recupero dei compensi relativi a questa indennità e pagati in modo difforme negli ultimi 3 anni.

E’ stato più volte evidenziato a tal proposito che tutte le altre Aziende della Regione (dove peraltro il limite imposto del 60% delle forme associative di Gruppo e di Rete è stato di gran lunga superato) hanno provveduto soltanto ad adeguare i compensi della indennità e non hanno inteso fare alcun recupero degli anni precedenti.

Allora perché i Medici di famiglia della Provincia di Salerno dovrebbero essere penalizzati con la assunzione di un provvedimento che nessuna altra Azienda della Campania ha neanche ipotizzato; ciò risulta con certezza a questa Organizzazione Sindacale, che ha anche una visione regionale di questa vicenda.

In considerazione di tutto quanto innanzi detto si ritiene indispensabile fare chiarezza presso i vertici Regionali affinchè diano risposte a questo interrogativo e di intraprendere altresì le vie legali.

I Medici di questa Regione non possono più tollerare le disparità di interpretazione che le Aziende danno alle diverse “note della Regione” ed i loro comportamenti che finiscono col penalizzare e discriminare Medici della stessa categoria.

E’ pertanto opportuno che tutti i Medici appartenenti a forme di medicina di gruppo e rete, in attesa del richiesto incontro con il Commissario Straordinario dott. Postiglione, sottoscrivano   l’allegata “dichiarazione di respingimento“ e la inviino alla ASL – Salerno a mezzo PEC a direzionegenerale@pec.aslsalerno.it oppure protocollandola alla sede principale.

Cordiali saluti.

                                                                               Il Segretario Provinciale Generale

                                                                                       Francesco Benevento

Files allegati


Notizia pubblicata il 23/03/2016

Pagina riservata...

La pagina che desideri visualizzare è disponibile SOLO per gli utenti registrati che hanno effettuato il login.

Se desideri anche tu visualizzare questa pagina e tutti gli altri contenuti riservati, effettua la registrazione.