Disciplinare tecnico compilazioni ricette

Disciplinare tecnico compilazioni ricette


                                                            Salerno, 29 gennaio 2014

 

 

                                                                Egr Dr Antonio Lucchetti

                                                           Direttore Sanitario Distretto n.66

 

                                                                Egr Dr Angelo Michele Spera

                                                         Direttore Amministrativo Distretto n.66

 

                                                                Egr Dr Vincenzo Ragone

                                                                Responsabile U.O Medicina di Base

                                                                Distretto n.66

 

                                                    p.c.      Egr Dr Antonio Squillante

                                                                Direttore Generale

                                                                Azienda Sanitaria Salerno

Protocollo n.23/2014

                                                   p.c.      Gent.ma Dr.ssa Anna Luisa Caiazzo

                                                                Direttore Sanitario

                                                                Azienda Sanitaria Salerno

 

                                                   p.c.      Direttori Sanitari Distretti ASL Salerno

 

                                                   p.c.      Iscritti FIMMG

 

                                                                              L O R O     S E D I

 

OGGETTO: Disciplinare tecnico compilazione ricetta SSN e ricetta elettronica DM 17-03-2008 e DPCM  26-03-2008.

Il “Disciplinare Tecnico…” pubblicato sulla G.U. n.50 del 11-04-2008 nella sez.”Avvertenza per la compilazione delle zone destinate alla lettura ottica” dispone in forma perentoria ai Medici prescrittori  di non apportare  correzioni nei campi a lettura ottica delimitati da appositi spazi (caselle). Nulla dispone per quanto concerne il corpo della ricetta se non il raccordo e la logicità tra prescrizione (es. numeri di pezzi e delle prestazioni prescritte) e l’apposita casella a lettura ottica che le riporta. Eventuali correzioni  nel corpo ricetta relative alla prescrizione con timbro e firma del Medico prescrittore viene confermata dalla  Nota n°30468 del 17-09-2007. La nota del Ministero dell’Economia e delle Finanze e della Salute chiarisce ogni ulteriore dubbio. Infatti “… ritiene possibile ammettere correzioni della ricetta con apposizione del timbro e della firma del Medico prescrittore , esclusivamente nell’ambito del campo della prescrizione”. Successivamente la presa d’atto alla nota Ministeriale, la Regione Campania con nota regionale  Prot. 2007- 0904921 del 25-10-2007 comunica analoga disposizione  alle Direzioni Generali delle ASL  di competenza.

A questo occorre aggiungere che l’ASL di Salerno deliberò un Tavolo Tecnico al quale parteciparono con rappresentanti della Direzione Generale, le diverse sigle sindacali della Medicina Generale, della Specialistica, di Federfarma, dei Biologi che conclusero a parere unanime che eventuali correzioni del corpo della ricetta erano fattibili con timbro e firma del Medico proscrittore. Ad oggi non risulta a questa OO.SS. alcun aggiornamento o modifica di sorta.

La nota del 04-11-2013, prot. 13714 della Direzione del Distretto Sanitario di Salerno, a firma del Responsabile U.O. dr.Vincenzo Ragone, del Direttore dr. Antonio Lucchetti e del Direttore Amministrativo DS 66 dott. Angelo Michele Spera, ha generato confusione ed ha diversificato i comportamenti e personalizzato la interpretazione sulla Normativa Ministeriale da Distretto a Distretto. Il risultato ottenuto è consistito nello stressare (quasi non lo fossimo…) e rendere intollerante il rapporto tra  Medici, pazienti, soprattutto, anziani e ammalati costretti a un faticoso andirivieni presso i Centri erogatori della prestazione e di burocratizzare (ove mai ce ne fosse bisogno…) le richieste dei Centri erogatori della prestazione, preoccupati, a loro volta, dei contenziosi Asl sulla rimborsabilità della ricetta. 

Egregio Signor Direttore da una panoramica da noi effettuata sul comportamento prescrittivo in altre Regioni risulta che nessuna di loro vieta l’eventuale correzione da parte del Medico nel corpo prescrittivo della ricetta. Un’ ultima riflessione: in un atmosfera nella quale ci si invita al risparmio la nota in oggetto ha mandato al macero centinaia e centinaia di ricette  creando un danno economico non indifferente di un bene e raro, molto spesso,  contingentato con grave pregiudizio nell’erogazione dell’Assistenza Sanitaria verso gli aventi diritto.

Si invitano le SS.LL. in epigrafe di voler prendere in opportuna considerazione e inviare agli organismi interessati la corretta modalità di applicazione della normativa indicando, nell’interesse delle parti, la possibilità di apportare correzioni nel corpo della ricetta  con apposizione di timbro e firma del Medico proscrittore.

Distinti saluti.

 

                                                             Il Segretario Provinciale Generale

                                                                   Dr Francesco Benevento

                                               

risposta ASL


Notizia pubblicata il 30/01/2014

Pagina riservata...

La pagina che desideri visualizzare è disponibile SOLO per gli utenti registrati che hanno effettuato il login.

Se desideri anche tu visualizzare questa pagina e tutti gli altri contenuti riservati, effettua la registrazione.