Biffatura classe di priorità

Biffatura classe di priorità a tutti gli iscritti


Salerno, 25 set. 15

 

                                                                                              A TUTTI GLI ISCRITTI

Protocollo n.323/2015

                                                                                                 L O R O   S E D I

 

OGGETTO: Biffatura Classe di priorità AIR 24 luglio 2013.

 

Caro collega,

                        ti ricordo che la Regione Campania ha reso noto le classi di priorità da applicare su 43 prestazioni ambulatoriali diagnostiche, terapeutiche riabilitative e strumentali erogate dal SSN.

                        Tali classi di priorità sono uno strumento per differenziare il tempo di accesso alle prestazioni e regolare il tempo di attesa per le prestazioni sanitarie, in base al rischio per la salute del cittadino.

                        Vi sono quattro possibili classi di priorità:

                        U = Urgente: da riservare ai casi gravi in cui si ritiene che vi sia un reale rischio per il paziente e si richiederà l’effettuazione della prestazione entro 72 ore.

                        B = Breve: per le prestazioni per le quali la tempistica di esecuzione deve rientrare entro un massimo di 10 giorni.

                        D = Differita: per le prestazioni che possono attendere fino a 30 giorni se si tratta di visite specialistiche, o fino a 60 giorni per gli accertamenti diagnostici, siano essi esami e/o prestazioni strumentali.

                        P = Programmabile: riferita a problematiche che richiedono approfondimenti ma che non necessitano di risposta in tempi rapidi; queste prestazioni dovranno comunque essere garantite entro un massimo di 180 giorni.

                        Tale codice va applicato negli appositi spazi sulla ricetta indicati dalle lettere U – B – D – P.

                        Si evidenzia che le classi di priorità sono riferite a tutte le prestazioni ambulatoriali, diagnostico – strumentali erogate dal SSN limitatamente alle prescrizioni delle prime visite specialistiche e delle prime prestazioni diagnostiche/terapeutiche e riabilitative ovvero quelle che presentano il primo contatto del paziente con il sistema, relativamente al problema salute posto, mentre sono escluse tutte le prestazioni di controllo e le prestazioni di screening.

                   Omettere di biffare la classe di priorità rappresenta una inadempienza convenzionale e contrattuale sanzionabile dall’Azienda in applicazione a quanto previsto dall’art.30 ACN 27 luglio 2009.

                        Distinti saluti

                                                                                              Il Segretario Provinciale Generale

                                                                                                    Francesco Benevento
Notizia pubblicata il 25/09/2015

Pagina riservata...

La pagina che desideri visualizzare è disponibile SOLO per gli utenti registrati che hanno effettuato il login.

Se desideri anche tu visualizzare questa pagina e tutti gli altri contenuti riservati, effettua la registrazione.